Da Magalli alla D’Urso: così la tv è diventata lo schifo voluto dal web. Ecco perché ha ragione Columbro.

È diventato tutto spettacolo. Tutto quello che pochi anni fa non era interessante se non per le riviste appoggiate sul tavolo del parrucchiere, oggi è spettacolo più di ciò che davvero è arte. Che la televisione e il web debbano imparare a convivere è fuori discussione. La loro necessità di imparare reciprocamente qualcosa è altrettanto indubbia. Il guaio vero è che stanno apprendendo le qualità peggiori l’una dall’altro: ha cominciato il web seguendo e riproponendo post della cattiva televisione gossippara, e ora il piccolo schermo offre su un vassoio d’argento a tutti gli internauti la possibilità di commentare contenuti sempre più inutili. Vediamo come.

MAGALLI-VOLPE: DATECI UN TAGLIO!

Giancarlo Magalli e Adriana Volpe da due anni giocano con la nostra paziente impossibilità di cambiare i palinsesti televisivi che li vogliono -ultimamente persino su Mediaset- protagonisti di diatribe già oltre il limite della sopportazione con continui scambi di accuse. Spesso peraltro le medesime, senza fantasia alcuna. Io sono sempre andato/a d’accordo con tutti, se ho un problema solo con una persona di chi è la colpa? Questa domanda retorica posta da entrambi meriterebbe solo una risposta: la colpa è di chi lavorando al vostro fianco non vi ha mai detto quanto siete ripetitivi e privi di contenuti, tanto che ora sguazzate nelle trasmissioni senza poter parlare d’altro che dei fatti vostri (e meno male che, almeno da titolo, dovevano essere nostri!). A chi interessa qualcosa di due ex colleghi che mal si sopportavano quando erano costretti a lavorare insieme e ora bisticciano a distanza sparlandosi alle spalle? Eppure, nella tv che deve rincorrere le regole del web e da questo deve farsi seguire con i post del giorno successivo, questa povertà di contenuti diventa una finta ricchezza di cui farsi vanto un po’ come ne I vestiti nuovi dell’imperatore. Magalli dopo anni e anni di carriera, anche teatrale, racconta ormai solo dei suoi rapporti con la Volpe, a sua volta costretta a metterla sul piano del mobbing maschilista per dare spessore alla sua polemica da neodisoccupata. Capita a tanti, in Italia, di perdere il lavoro: nel mondo degli adulti che hanno talento ci si rimbocca le maniche e non si rompe l’anima agli altri.

TEMPTATION ISLAND: LE CORNA SULLA BOCCA DI TUTTI

Natalie Caldonazzo e Anna Pettinelli avrebbero tanto da raccontare artisticamente parlando, perchè fanno ancora parte di uno spettacolo dove si emergeva con le doti artistiche. Eppure ora, per stare sulla scena, accettano il canovaccio dettato da Temptation Island, che ci fa appassionare come comari alle imperdibili corna di coppie stanche che anzichè dialogare preferiscono passare per un’isola dove trovano single che li corteggiano con strusciamenti e baci imbarazzanti. Fare sapere tutto, senza controllo della dignità e del pudore è la prima regola del web: e allora forniamogli materiale!

GLI HATERS DI EMMA MARRONE

Non viene risparmiata la vita privata di nessuno. Nemmeno quella di chi, come Emma Marrone, ha voluto dare un segnale forte e importante nella sua lotta contro la malattia che la terrà lontana dalle scene per qualche tempo. Lo ha fatto lei stessa, per evitare le sicure speculazioni. Su internet, però, i cosiddetti haters si sono ugualmente sfogati persino su di lei con illazioni del tutto fuori luogo che mistificano le sue parole trasformandole in una campagna pubblicitaria. Ed è sulla base di questo che la tv costruisce format pieni di meschinitá create ad hoc per essere giudicate con entusiasmo da fastidiosi tuttologi dei social che con la loro esistenza danno un senso persino ai cachet di Karina Cascella, una delle ospiti fisse di Live.

COLUMBRO ‘DON CHISCIOTTE’

Ci ha provato Marco Columbro poche sere fa a Live- Non è la D’Urso a riportare un minimo di etica in una trasmissione che per mesi ha rincorso personaggi invisibili. Invitato per parlare dei vip che hanno cambiato vita, l’amatissimo attore si è ritrovato a essere messo nel calderone di quelli che lamentano una pensione da poveri. Fandonie, e soprattutto non inerenti al vero argomento per cui è stato chiamato a essere ospite. Si è alzato in piedi ripetendo che ‘Sono cazzi miei, non ne parlo, non interessa alla gente’. Apriti cielo. Non solo si è ritrovato a essere ripreso dalla stizzitissima D’Urso, ma persino invitato a chiedere scusa da ospiti che non sanno nemmeno cosa sia il teatro e si sono ingraziati le prossime ospitate di donna Barbara difendendola: ‘Ma pensavi di venire qua a raccontare dei programmi che non hai condotto o dei film che non hai fatto?’. Già, per loro che di mestiere si fanno pagare per esprimere opinioni su ogni argomento creando astio ai fini dello share, recitare a teatro e aprire un agriturismo non rientra in una attività degna di essere argomentata. E allora vituperiamo chi ha presentato realmente programmi memorabili.

‘MALEDETTI AMICI MIEI’: QUANDO I PRODOTTI DI QUALITÀ VANNO SPIEGATI

Non bastava l’audience, che continua a premiare la tv di basso livello per biasimare un prodotto culturale e innovativo come Maledetti amici miei. Ora si vuole fare uno spettacolo ad uso e consumo dei social, su cui non c’è un post che precisi che Alessandro Haber ha dato della merda a Carlo Verdone per scherzo, in un gioco fatto con gli altri quattro amici. A questo siamo arrivati: se non si parla di fatti privati degli artisti, il resto lo dobbiamo spiegare al pubblico di internet. E va bene, facciamo una tv surrogato del web. Così, però, avremo sempre una tv per deficienti, e l’Italia francamente non la merita.

RIDATECI PIPPO

Forse il ritorno di Pippo Baudo sarebbe più urgente delle idiozie che si vedono. Diamoci una svegliata, anche in fretta.

Massimiliano Beneggi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...