Love Me Licia, la storia: Baciami Kiss me with Love

Nato da un’idea di Alessandra Valeri Manera come una riproposizione in carne e ossa del fortunato cartone animato a cui Cristina D’Avena non a caso ha sempre ammesso di essere particolarmente legata, Love me Licia andò in onda per la prima volta su Italia Uno il 6 ottobre 1986.

Scenografia scarna rispetto ai telefilm di oggi, con i quali non regge nemmeno il confronto dei ritmi più lenti, e dialoghi talvolta decisamente (e volutamente) buffi, hanno portato molto spesso i social a ironizzare sul prodotto diretto dalla regia di Mario Cavazzuti. Talvolta contrastando con i dolci ricordi che il pubblico ha realmente di quei telefilm. Non erano fiction, bensì un rifacimento del cartone animato: voci tutte doppiate, trucchi marcati e costumi caricaturali. Dopo il successo della prima serie, da intendersi in effetti come un esperimento di quello che fu il primo vero telefilm prodotto in Italia, la musica cambiò. In tutti i sensi. La sceneggiatura richiedeva inevitabilmente sempre più originalità (in particolare dopo il matrimonio tra Licia e Mirko, si doveva pensare a episodi divertenti inevitabilmente non previsti dal cartone animato), ma soprattutto le canzoni non rimarcavano più quelle dell’anime giapponese. Da Licia dolce Licia in avanti, infatti, si assiste a un vero e proprio salto di qualità soprattutto per l’attenzione prestata alla qualità dei brani cantati, che erano in fondo i veri protagonisti di ogni episodio. Non va dimenticato, d’altronde, che erano prodotti di una tv prettamente commerciale, che come tale quindi con la scusa di creare una sorta di telenovela per i più giovani concentrava le sue forze su canzoni di assoluto valore. Ogni brano faceva da colonna sonora dell’episodio, con parole che raccontavano sostanzialmente i sentimenti vissuti da Mirko e Licia nella specifica puntata. Con i loro bisticci ogni volta ricuciti a suon di innocenti coccole e…fettine panate! In tutte le serie, però, c’era ovviamente la canzone cavallo di battaglia che in qualche modo si riusciva ad ascoltare, fosse anche solo nella base musicale, in ogni episodio dell’intera edizione. In questi giorni quindi passeremo in rassegna le quattro edizioni di Licia e le quattro edizioni di Cristina, rievocando i temi musicali più noti.

Cominciamo dunque con Love me Licia. Come si evince dalla sigla, persino Cristina D’Avena presenta il look proposto da Licia nel cartone animato: maglia bianca, gonnellina rossa, capelli fino alle spalle. In realtà sembra che la storia fosse inevitabilmente destinata a proseguire con una seconda serie, visto che per tutta la prima edizione i due fidanzati non fanno altro che dichiararsi amore eterno senza però ancora sposarsi. In questo caso, infatti, è indubbio che se Mirko e compagni hanno qui un carattere meno internazionale (una volta tornati dall’America nel primo episodio, faranno tournée solo sul lago di Garda) è altresì vero che il frontman dal ciuffo rosso è un laureando (in cosa non si è mai saputo, ma ha relativa importanza visto che poi ha proseguito anche nelle ultime due serie a fare la rockstar laureata). Altra novità rispetto al cartone, la presenza della signorina Mary (alias Carlotta Pisoni Brambilla). La figura dell’impresaria dei Bee Hive consente un motivo di gelosia da parte di Licia, convinta dell’infatuazione di Mirko (Pasquale Finicelli) per Mary. Che invece è soprattutto un amore platonico per Marrabbio (Salvatore Landolina), che proseguirà anche nelle serie successive. Al padre di Licia sono affidati tutti gli sketch più comici, con gli amici brontoloni Lauro (Antonio Paiola) e Nonno Sam (Sante Calogero). Le storie d’amore tra Marika e Satomi come quelle tra Manuela e Tony sono un teatrino dei continui battibecchi tra coppie più che un racconto di corna e tradimenti come era nel ben più audace Kiss me Licia. Gite al mare, Natale, feste al Mambo, saranno situazioni che si ripeteranno nelle edizioni successive con lo scopo dell’intrattenimento e dell’insegnamento di valori quali rispetto, amore e complicità.

Ma, come detto, l’obiettivo principale dei quattro telefilm è l’intrattenimento con le canzoni, ovviamente oggetto di altrettanti album pubblicati da Five Record srl. Se nell’anime giapponese ogni volta che i Bee Hive prendevano un microfono in mano era lecito aspettarsi Baby I love you, nella prima serie umanizzata quel ruolo andò a Baciami kiss me with love, con quel titolo inglese in un testo italiano negli stessi anni in cui Ivana Spagna, Sabrina Salerno e Jo Squillo primeggiavano con la loro dance apparentemente più intrigante per l’uso della lingua straniera. In effetti anche in questo caso letteralmente il titolo, che era poi anche il ritornello, non significava nulla più che Baciami con amore, che cantato da un Mirko implorante avrebbe potuto lasciare presagire a una Licia piuttosto birichina in grado di baci senza trasporto sentimentale. In realtà il brano partiva da un litigio tra i due fidanzati (situazione tipica più che altro nel cartone animato dove il vero birichino lumacone era Mirko) che veniva superato dalla voglia di stare insieme ed evitare di stare male.

L’apoteosi delle belle parole e della dolcezza fu il motivo di quella che dicevamo essere stata poi in seguito l’ironia sul telefilm. Ma Baciami kiss me with love fu la colonna sonora che fece il successo della prima serie. Ecco qui sotto allora il testo e il video del brano.

Massimiliano Beneggi

Su vieni qui da me
E non pensare che
Per un bisticcio ci lasciamo così.
Un bisticcio sì
Può far del male ma
La pace poi si fa.

Chi ha ragione no
Io proprio non lo so
Io non lo so, non lo so
Mentre guardo te
Io penso sempre che
Che voglio restare sempre con te, con te.

Baciami, kiss me with love
Penso sempre e solo a te
Baciami, kiss me with love
Kiss me, kiss me, kiss with love.

E penso sempre a te
A te che sei con me, qui con me.

Baciami, kiss me with love
Penso sempre e solo a te
Baciami, kiss me with love
Penso solo a te.

Dammi la mano e
E lascia che così
Così la stringa sul mio cuore perché.
La tua mano ha
Sì quel calore che
Che il cuore mio non ha.

Chi ha ragione no
Io proprio non lo so
Io non lo so, non lo so.
Mentre guardo te
Io penso sempre che
Che voglio restare sempre con te, con te.

Baciami, kiss me with love
Penso sempre e solo a te
Baciami, kiss me with love
Kiss me, kiss me, kiss with love.

E penso sempre a te
A te che sei me, qui con me.

Baciami, kiss me with love
Penso sempre e solo a te
Baciami, kiss me with love
Penso solo a te.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...