Brivio sorprende tutti con il ‘5 maggio’ in milanese

Ci sono rare occasioni di teatro e cultura assolutamente godibili anche on line. Tra questi, anzitutto le letture. Ieri sera, in occasione del 5 maggio il grande Roberto Brivio ha recitato sul suo profilo Facebook il 5 maggio di Alessandro Manzoni in versione milanese. Eccolo qua, intenso, poetico, essenziale, sorprendente, vero come sempre. In una parola: milanese.

Godiamoci di nuovo questa lettura della celebre poesia manzoniana con il testo completo in milanese tradotto dallo stesso Brivio. Il dialetto ancora una volta si coniuga con la cultura nazionale esprimendone meglio la forza.

CLICCA QUI PER VEDERE LA RECITA DI BRIVIO!

 

El 5 de Magg de A. Manzon trad. R.Brivio

L’è staa. L’è fiss, immòbil,
l’è fermo col respir
la ment l’è voeuja, immemore
privada del sospir
Inscì sbattud, estatich
El mond sottsora el và

La gent la pensa ai ultim
moment del Bonapart
E la sa no se andan (orme)
dai scarp de ‘n òmm mortal
soppedarà la polver ( calpesterà)
Che lu l’ha trapestà ( schiacciato)

Lu imperial sul soglio
M’ha vist poetta e citto.
Anca borland giò in terra
S’è tirà su ‘sto dritto
Per fa’ ‘na guerra a tutti.
‘Sta volta chì, el sta giò

E mi sont minga on servo
Che scriv versi a comand
Me sont commos. I oltragg
I e lassi e i scorriband
mi voeuri imprimm sull’urna
Perché ghe resta el cant.

Dall’Alpi a i Piramid
Dal Manzanarre al Reno
Napolion on fulmin

Napolion baleno
Napolion al Tanai
Da Scilla all’alter mar

L’è vera gloria? Ai posteri
L’ardua sentenza: numm
sbassom el co’ al Massimo
Fattor che l’ha vorsù
Fa’ de Napoleon
On simbol e anca de pù

Tutt l’ha provà: la gloria
Che ven depoeu el pericol,
la fùga, la vittoria,
la reggia e poeu l’esilio,
du volt in de la polver
du volt in su l’altar.

El se ciama’. Duu secol
L’un contra l’altrin armi
Sòttvos a lu che arbitro (sommesso)
Stà in mezz e senz’allarmi
Tutt nel silenzi avvolsero
Come ‘spetta’ el destin.

E “sparve”, i so’ dì in l’ozio
anca se in mezz a l’ onda
e tutt el mond l’invidia
pien de pietà profonda
d’inestinguibil odio
e d’indomato amor

Sbassà i so’ rai fulminei
El pensa ai tend, ai sball
All’urlo di manipoli

A l’onda di cavall
sguaìt, attach diabolici (agguati)
e corp a corp mortal.

E in mezz a ’sti rimpiant
Riva ‘na man dall’alt
Pietosa a trasportall
Ai campi eterni, al salt (al grande salto)
doa silenzi e mant (mantello)
La gloria va a quatall

Bella Immortal benefica
Fede, ai triònf sueffàda!
Scriv anca quest, allegrati;
Chè pussè granda spada
Al disonor del Golgota
Giammai non si chinò.

Ti, dai stracchevol scendri (ceneri)
Sperd paroll sbris o spiòsser: (meschine o grette/dure)
el Dio che sbatt giò e ascendri (e ascende)
che cruzzia ‘me nient fosser (che si mette in croce)
l’è lì con Ti, immobil e…
el mond l’è anmò in genoeucc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...