Da Broadway a Milano e Torino: è lo swing newyorkese del musical Wonderful Town di Leonard Bernstein ad aprire la diciassettesima edizione del Festival MITO SettembreMusica dedicata al tema “Città”, l’ultima firmata da Nicola Campogrande. La travolgente partitura – vincitrice di 5 Tony Awards – sarà proposta in forma di concerto dall’Orchestra e dal Coro del Teatro Regio di Torino diretti da Wayne Marshall, giovedì 7 settembre al Teatro alla Scala di Milano e venerdì 8 all’Auditorium “Giovanni Agnelli” del Lingotto di Torino, alle ore 20.

 

Il celebre musical in due atti di Bernstein – su libretto di Joseph Fields e Jerome Chodorov, con i testi di Betty Comden e Adolph Green – racconta la storia delle sorelle Sherwood, Ruth ed Eileen, ragazze di provincia dell’Ohio che nell’estate del 1935 si trasferiscono a New York, piene di sogni e speranza. A 70 anni dalla prima rappresentazione di Wonderful Town, il 25 febbraio 1953 a Broadway, le città di Milano e Torino verranno così trascinate nel ritmo pulsante del Greenwich Village.

Ad interpretare la “città meravigliosa” sarà la bacchetta di Wayne Marshall, direttore d’orchestra, pianista e organista nato in Inghilterra e originario delle Barbados, considerato uno degli interpreti di riferimento della musica americana del Ventesimo secolo. Tra le sue collaborazioni spiccano quelle con la Chicago Symphony Orchestra, l’Accademia di Santa Cecilia e i Berliner Philharmoniker. Con lui sul palco le voci di grandi specialisti del musical come il mezzosoprano Alysha Umphress (Ruth Sherwood), il soprano Lora Lee Gayer (Eileen Sherwood), i baritoni Ben Davis (Robert Baker) e Adrian Der Gregorian (Frank Lippencott) e il tenore Ian Virgo (Chick Clark). Il Coro del Teatro Regio di Torino è preparato da Ulisse Trabacchin.

 

Come ormai da tradizione, i concerti sono anticipati da brevi introduzioni all’ascolto che, per le serate inaugurali di MITO, sono affidate a Stefano Catucci. 

 

Per una fortunata coincidenza, proprio in questi giorni sarà anche presentato alla 80. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia il film “Maestro” che Netflix ha dedicato a Leonard Bernstein, firmato da Bradley Cooper che ne è anche protagonista.

 

L’edizione 2023 di MITO proseguirà con 70 concerti fino al 22 settembre: un viaggio musicale che si apre al mondo grazie alla grande musica e a interpreti d’eccellenza – come la Royal Philharmonic Orchestra con Vasily Petrenko e Julia Fischer, la Filarmonica della Scala con Andrés Orozco-Estrada e Mario Brunello, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai con Juraj Valčuha e Stefano Bollani, e ancora Ivo Pogorelich, Katia e Marielle Labèque e Alexandre Tharaud– coinvolgendo il pubblico in una fruizione sempre più condivisa e con uno spirito di aggregazione ancora più ampio. Si andrà così alla scoperta di quelle “città” che hanno ispirato i compositori nelle loro creazioni in diversi momenti della storia della musica. Ma non solo: si esploreranno anche i luoghi vicini ai musicisti che interpretano quelle pagine.

Comunicato stampa ufficiale