I fratelli Bennato emozionano: “La realtà non può essere questa”

E’ uscito settimana scorsa il nuovo singolo di Edoardo ed Eugenio Bennato, dal titolo La realtà non può essere questa. E così ecco un’altra canzone scritta apposta per questo periodo di emergenza Covid-19.

Una bellissima, dolcissima e commovente ballata di chi non si arrende di fronte a questo momento assurdo che si sta vivendo. L’amore non può rimanere virtuale, c’è bisogno di un mondo da scoprire nelle sue strade: la vita non si può fermare, è fatta per essere cambiata in continuazione, non per rimanere ferma.

edoardo-eugenio-bennato

Tra chitarre e giri di armonica, il brano ha delle arie molto vicine a L’isola che non c’è con cui Edoardo Bennato spopolò esattamente quarant’anni fa. E proprio come allora, la lacrima scende facilmente nella commozione dell’ascolto. Inizia Edoardo a cantare, e nella seconda strofa parte Eugenio, e si sovrappongono solo in un breve momento del ritornello con cui accarezzano il tema con immensa poesia. Con questa canzone, i cui proventi saranno devoluti in beneficienza all’Azienda Ospedaliera dei Colli di Napoli, è un grido perché presto, quando si tornerà alla normalità, si possano difendere i più deboli e vivere tutto quello che il mondo offre. Ecco qui sotto video e testo della canzone.

La realtà è tutta in questa stanza

nella rete che annulla ogni distanza

la realtà è fuori dal balcone,

nella rete che diventa una prigione…

La realtà è tutta l’illusione

di chitarre che suonano da sole

nel silenzio di nessuna festa

la realtà non puo’ essere questa..

Quest’amore non può esser virtuale

ha bisogno di parole, di parole sussurrate…

Di parole che tu sola puoi sentire

ha bisogno delle strade e di tutto il mondo da scoprire…

La realtà è correre nel vento

nella gara di nessun traguardo

nell’amore che sventola nel porto

la realtà non può essere altro…

E non può rinunciare ai sogni

e sognare le parole nuove

di coscienze pronte a dire basta

la realtà non può essere questa…

La realtà è tutta da rifare

è la vita che non si può fermare

e che canta la sua ribellione

alla rete che diventa una prigione…

E non basta vivere l’illusione

di chitarre che suonano da sole

nel silenzio di nessuna festa

la realtà non può essere questa”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...