La magia di Familie Floz al Menotti

Fino al 24 marzo, al Teatro Menotti di Milano, è in scena Teatro Delusio, di Familie Floz, Arena Berlin e Theaterhaus Stuttgart. Dal 25 marzo al 3 aprile, sempre della stessa produzione, va in scena Feste.

Teatro Delusio

Mentre la scena diventa backstage ed il backstage è messo in scena, mentre sul palco appena riconoscibile sirappresentano diversi generi teatrali, dal mondo opulento dell’opera a selvaggi duelli di spada, da intrighi lucidamente freddi a scene d’amore passionali, i tecnici di scena Bob, Bernd e Ivan tirano a campare dietro le quinte.

Tre aiutanti instancabili, divisi dal luccicante mondo delpalcoscenico solo da un misero sipario eppur lontani da esso anni luce, che lottano per realizzare i propri sogni: Bernd, sensibile e cagionevole, cerca la felicità nella letteratura, ma la trova improvvisamente personificata nella ballerina tardiva; il desiderio di riconoscimento di Bob lo porterà al trionfo e alla distruzione, mentre Ivan, il capo del backstage che non vuole perdere il controllo sul teatro, finirà per perdere tutto il resto… Le loro vite all’ombra della ribalta si intrecciano nei modi più strani al mondo scintillante dell’apparenza. E all’improvviso loro stessi si ritrovano ad essere i protagonisti di quel palcoscenico che in fondo equivale al loro mondo.

TEATRO DELUSIO è teatro nel teatro. L’inquietante vivezza delle maschere, le fulminee trasformazioni ed una poesia tipicamente Flöz trascinano il pubblico in un mondo a sé stante, un mondo carico di misteriosa comicità. Con l’aiuto di costumi raffinati e di suoni e luci ben concepiti, i tre attori mettono in scena 29 personaggi e danno vita ad un teatro completo.

Feste

In una maestosa villa sul mare tutto è pronto perfesteggiare un matrimonio. Dietro la villa si nasconde un cortile sporco e caotico, dove il personale lavora senzasosta per cucinare, preparare, sorvegliare, pulire e riordinare.

 

In un poetico equilibrio fra tragedia e comicità, gli adorabili personaggi di FESTE fanno del loro meglio perché tutto funzioni a meraviglia, lottano per la loro dignità e per avere il rispetto da parte dei ricchi padroni. 

Improvvisamente il mare scompare, lasciando solo un deserto di sabbia e pietra. Per un momento tutto si ferma, anche se la musica continua a suonare sempre più forte. La celebrazione dell’amore deve continuare, nonostante tutto.

FESTE è una favola per adulti, senza parole. Una storia tragicomica sul perseguimento della felicità individuale, ma dietro la quale c’è di più: come gli angeli di Paul Klee, lemaschere testimoniano con la loro silenziosa immobilità l’impetuosa follia del progresso.

Comunicato stampa ufficiale