‘La prima volta’ di Scilla e Passoni al Teatro Principe

27 anni fa in America grazie a Jerry Mitchell, uno dei più noti registi e coreografi di Broadway (Pretty Woman, Hairspray, The Full Monty, Legally Blond, Kinky Boots) è nato il progetto Broadway Bares, con 8 ballerini sul palco in un club di Manhattan, come risposta artistica della comunità teatrale alla violenta crisi provocata da HIV e Aids. L’evento è cresciuto anno dopo anno e ha visto la partecipazione di numerose star e performer internazionali provenienti non solo dal mondo della danza contemporanea, diventando il charity show più importante d’America per le battaglie contro l’Aids. La finalità di Broadway Bares, attraverso spettacoli in cui i ballerini danzano quasi completamente nudi, è stata da sempre sensibilizzare e raccogliere fondi da investire per la prevenzione e la ricerca relative al mondo dell’Aids e a favore di una cultura meno stigmatizzante. Grazie a questo progetto sono stati raccolti in America oltre 285 milioni di dollari per la causa. La stessa iniziativa è stata poi adottata qualche anno dopo anche a Londra, dando origine a West End Bares.

Quest’anno si forma il progetto Italy Bares, dall’idea di Giorgio Camandona (Peter Pan, Grease, A Chorus Line), attore, danzatore e coreografo professionista che da molti anni lavora nel panorama del musical; è un progetto che vuole far crescere anche in Italia quest’iniziativa, creando uno show finalizzato a sensibilizzare e ad appassionare il pubblico, rispetto a un tema troppo spesso sottovalutato e poco trattato. Nasce così LA PRIMA VOLTA, lo spettacolo che andrà in scena a Milano il prossimo 12 ottobre al Teatro Principe. Troviamo tra i protagonisti dello show Guglielmo Scilla (famoso YouTuber, attore e conduttore radiofonico), Diego Passoni (conduttore radiofonico e televisivo), Jonathan Bazzi (scrittore e autore, da poco in libreria con il suo primo romanzo, Febbre, per Fandangolibri e finalista al premio Berto), Francesca Taverni (cantante, attrice e ballerina) che arricchiranno il team artistico, già composto da alcuni tra i migliori performer di musical italiani.

Alla regia di LA PRIMA VOLTA c’è Mauro Simone, già alla direzione di spettacoli come Grease con Compagnia della Rancia, Tre metri sopra il cielo e Robin Hood, docente presso lo IED di Milano e vicedirettore presso l’accademia professionale BSMT di Bologna.

I numeri di danza sono curati da tre coreografi: Anna Rita Larghi, Alessandra Costa e Mauro Savino e anche da Manuel Frattini che in questa speciale occasione contribuisce all’ideazione di alcuni numeri.

La direzione musicale è di Elena Nieri e Antonio Torella.

La presenza in scena di performer di musical, cantanti, scrittori e ballerini (saranno 8 in scena e danzeranno quasi completamente nudi come nel primo spettacolo di Broadway Bares) rende lo spettacolo un appuntamento davvero imperdibile.

LA PRIMA VOLTA è uno show in cui Guglielmo Scilla, personaggio principale dello spettacolo, si trova coinvolto in numeri musicali, coreografie, letture e incontri con altri artisti, in un’alternanza tra momenti di grande ilarità e situazioni più riflessive, che accompagnano gli spettatori in un viaggio attraverso la propria coscienza, portando a galla paure, consapevolezze, pregiudizi e quella strana vergogna rispetto alla tematica dell’HIV.

Perché LA PRIMA VOLTA? Sul palco se ne alterneranno diverse: il primo bacio, il primo giorno di scuola, la prima lezione di danza, il primo rapporto d’amore, la prima volta in cui qualcuno scopre di avere l’Aids o ha avuto un rapporto con una persona sieropositiva. Ogni PRIMA VOLTA – e certo, è anche la prima rappresentazione di Italy Bares – porta con sé entusiasmi, paure, timori, desideri, aspettative in cui il pubblico potrà riconoscersi, ispirato dal tema principale di Italy Bares: imparare a spogliarsi dei pregiudizi e delle paure.

LA PRIMA VOLTA ha ricevuto il Patrocinio del Comune di Milano, e l’intero ricavato dell’iniziativa sarà devoluto ad ANLAIDS Sezione Lombarda e ad ANLAIDS Sezione Liguria a sostegno del progetto “IO(C’)ENTRO”: la persona e le sue relazioni sono al centro dell’iniziativa. Favorire l’accesso al test Hiv e al trattamento precoce dell’infezione, abbattere lo stigma, migliorare la qualità dell’assistenza clinica secondo il moderno concetto di “patient care medicine” attraverso la crescita professionale dei volontari e naturalmente il sostegno alla prevenzione e agli screening sono gli obiettivi della storica Associazione nata in Italia nel 1985 per fermare la diffusione da Hiv.

Comunicato stampa ufficiale

Prezzi:

– biglietto posto unico, dalla terza fila in poi – 25 euro

– biglietto posto unico, prime tre file + Calendario 50 euro

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...