16 anni senza Gaber, l’inventore di un teatro nuovo. E se ne parla troppo poco…

16 anni fa si svolgevano nell’abbazia di Chiaravalle i funerali di Giorgio Gaber, che proprio in quella chiesa si era sposato anni prima con la sua amata Ombretta Colli. Una perdita enorme per il teatro e la musica, quei due mondi che lui prima di chiunque altro seppe unire in Italia, dando vita a una serie di imitazioni che non raggiungeranno mai l’originale. Nato come cantante, suonando la chitarra per guarire una malattia muscolare, interpretò brani con incredibile ironia, affrontando temi talvolta duri e scomodi soprattutto al mondo della politica dal quale si è sempre voluto estraniare fino alla celebre “Destra-Sinistra” degli ultimi anni. Ha trasformato gli spettacoli teatrali creando quel teatro-canzone pieno di sketch e brani orecchiabili ma tutti significativi, e oggi rimane un eccezionale esempio di amore per il Paese, nonostante i vizi che lui stesso descriveva, per la propria città (rimane ancora oggi un grande simbolo della sua Milano) e di straordinaria umiltà nel saper raccontare la verità che troppi fingono di ignorare. Molti ragazzi lo hanno conosciuto negli anni a venire, e non vi è dubbio che Gaber andrebbe celebrato molto di più di quanto non si faccia. Ci impegneremo anche noi per questo!

foto66Massimiliano Beneggi

(Foto di Claudio Beneggi)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...